L’ingiustificabile
marzo 4, 2013 — 14:44

Sono rimasto in casa per più di un mese, fino allo scorso weekend. Mi sono sentito come Diogene il Cane, che digiunava ventiquattro ore per poi meglio gustare il pasto arrangiato del giorno dopo.
Fondamentalmente non ho fatto niente di diverso rispetto alle altre uscite che da cinque anni si ripetono uguali in questo posto. La sola novità è stata la mia percezione non alterata. Non un goccio di vodka, birra, idromele o retsina che sia. Ero sobrio marcio!
Ho intravisto la realtà, fatta dall’irrealtà degli altri. Ragazzi colti d’amnesia nel momento esattamente dopo aver fatto una stronzata; racchie donarsi a fighi e viceversa; ragazze che mi si strusciavano e baciavano e io che le mettevo in fuga perchè troppo capace di articolare un discorso sensato. Ho riso di cadute, di movimenti goffi, di parole biascicate e di discorsi surreali.
Poi siamo usciti fuori, e mentre intrattenevo discorsoni filosofici, proprio lì, nella nostra Agorà, qualcuno ha fatto parlare i bicchieri prima vuotati, e a una certa ora è possibile che i bicchieri parlino tramite le mani, non tramite la bocca. Una zuffa, un po’ di tensione, tanta gente e poi tante opinioni.
Ascoltavo e volevo vomitare, ma non avevo niente in corpo;
guardavo e volevo vomitare, ma non avevo niente in corpo.
Se avessi bevuto una vodka soltanto avrei potuto fare molte più cose: prendere parte alla lotta; non accorgermi della lotta; vomitare qualcosa.
Per vivere bene ci sono due cose sempre e comunque ingiustificabili: la violenza e l’assenza di alcool il venerdì sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *